La Parità Ormonale

a-red-rag-to-a-bull

E’ finita un’epoca che ha concesso ad alcuni uomini il diritto di sminuire le donne pronunciando quella frase famosa, poco felice, equivalente a mostrare un panno rosso a un toro infuriato, ossia: “Cosa ce ‘è? Hai le tue cose?”

I livelli ormonali femminili durante il mese, troppo spesso, sono stati utilizzati come una scappatoia, un contro attacco per autodifendersi contro le richieste femminili non gradite. Offensivo e maschilista, aggiungiamo da ignoranti (ignari dei fatti) e obsoleti, perché? Perché anche gli uomini hanno gli sbalzi ormonali che li rendono emotivamente più irascibile e meno disponibili, ma diversamente dalla donna, che ha un ciclo mensile, il circolo ormonale maschile accade ogni 24 ore!

E’ parità sia, almeno quella ormonale!

Gli “ups and downs” ormonali degli uomini influenzano non solo i livelli di energia, ma anche loro umore, per esempio, se la donna deve comunicare qualcosa che richiede una sua collaborazione, è meglio evitare di mattina perché lui sarà meno propenso di concederla.

Il Medical Daily ha pubblicato un articolo sulle ultime ricerche e studi ormonali che ha stabilito che i nostri livelli ormonali fluttuano per tutte le stagioni. Il testosterone per esempio diminuisce in estate, arrivando al suo massimo in autunno, per lentamente diminuire ancora in primavera, contro l’idea che l’aumento di luce primaverile (stagione della fertilità) incrementa gli ormoni.

Il circolo ormonale maschile di 24 ore

Appena svegli, l’alto livello di testosterone rende l’uomo più ottimista e attivo, così la sua capacità di fare lavori manuali e svolgere altre attività che richiedono concentrazione, è preferibile di mattina perché è più focalizzato, competitivo, indipendente e sicuro di se, ma non solo – è anche più impulsivo, aggressivo, facilmente irritato e predisposto ad agitarsi (rabbia) e  dire “no” a un favore o una richiesta.

Lui è anche più vigoroso la mattina presto, motivo perché molto uomini prediligono il sesso mattutino perché la sua virilità è al massimo, anche se l’amore di mattino è meno romantico e più fisico.

Se avete fatto un giro a Ikea, per lui, la mattina è decisivamente il miglior momento per l’assemblaggio, perché con il testosterone più alto lui è un uomo “tutto fare” ma se lei osa offrire qualche suggerimento, o vuole una collaborazione è meglio rinviare tutto di pomeriggio quando il picco di testosterone sta diminuendo. Con la discesa ormonale, l’uomo incomincia ad ammorbidirsi; è meno aggressivo e più aperto alla collaborazione e lavorare come parte di una squadra.

La sera poi il testosterone è più basso e se la donna deve chiedere un favore, ora è il momento, perché è più probabile che lui glielo concederà!

La stanchezza serale, specialmente prima che abbia avuto la possibilità di ricaricare dopo lavoro o di mangiare la cena, è tipica. A questo punto della giornata, il suo libido è al punto più basso. Per alcuni uomini, è ancora sufficiente per renderli in grado di godere del sesso romantico e appassionato; altri uomini invece possono sentirsi troppo stanchi di sera per intimità prediligendo la poltrona davanti alla TV, o stare sul divano e coccolarsi con il partner.

Conclusione?

Cicli mensili oppure giornalieri, non fa molto differenza, i ritmi ormonali rendono entrambi i sessi più emotivi, impulsivi, meno razionali e poco disponibili l’uno verso l’altro solo con tempistiche diverse.

Gloria Steinem l’attivista e giornalista Statunitense scrisse:

Se si suppone che le donne siano meno razionali e più emotive all’inizio del proprio ciclo mestruale quando l’ormone femminile è al suo livello più basso, allora perché non è logico dire che, in quei pochi giorni, le donne si comportino in modo molto uguale a quello in cui gli uomini si comportano durante tutto il mese?

E sei qualche Signore non si convince, invece di usare le solite frasi maschiliste e deprimenti farebbe bene a ricordare le parole di Oscar Wilde:

Le donne sono fatte per essere amate, non per essere compresse.

Caroline Mary Moore

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. + informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi